Pages Menu
Categories Menu

Pubblicato il15 Apr 2015

TBT Radiatori d’arredo

Nascono per personalizzare il bagno, ma anche gli altri ambienti della casa, grazie al design e alle alte prestazioni che li contraddistinguono. I caloriferi d’arredo vestono il calore con una forza valenza estetica, per offrire al consumatore la possibilità di coniugare la necessità di riscaldare con il piacere di arredare la casa utilizzando vere e proprie sculture architettoniche.

Come un complemento d’arredo, il radiatore deve essere progettato per essere inserito all’interno di un’architettura che lo rispecchi, dove la finitura, la qualità dei dettagli e l’aspetto estetico sono prevalenti rispetto ad altri valori. Un oggetto, insomma, progettato non per essere coperto ma che risponda in pieno alla qualità architettonica dello spazio che lo accoglie.

Le collezioni Tubes hanno un valore simbolico forte, di materiale, di colore, di riduzione, senza tralasciare un certo grado di compiacimento industriale.

TBT è l’ultimo progetto in ordine temporale entrato a far parte della collezione Elements, composta da elementi riscaldanti pensati come veri e propri componenti d’architettura.

Si tratta di un tubo in ottone cromato con un diametro di 7cm al cui interno vi è un particolare circuito che permette la circolazione dell’acqua calda o, eventualmente, l’inserimento di una speciale resistenza elettrica. Questo modello è infatti disponibile non solo in versione idraulica, ma anche elettrica o mista: in quest’ultimo caso, le due manopole terminali fungeranno da interruttore per l’accensione e lo spegnimento del calorifero, così da aggiungere ad un dettaglio estetico anche un carattere funzionale. La forma di TBT è libera da ogni riferimento ad un elemento riscaldante, come un vero e proprio componente d’arredo.

Post a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>